Un weekend in Belgio #Parte1

Racconto dello scorso weekend in Belgio, nello specifico il mio itinerario è stato: Gent, Bruges e Oostende. Viaggiare da sole è possibile? Certo!

Questo viaggio è stato il primo in cui ho optato per la camerata in ostello da sola. Mi chiedevo come sarebbe stato, se fosse strano condividere la stanza con degli sconosciuti e troppo fuori dalla mia “comfort zone”.

Il primo, a Gent, il KaBa Hostel per fortuna è stato abbastanza bello: curato, pulito e nuovo. Ero in una camerata mista, ma con una specie di soppalco con due letti. che di fatto era una piccola camera doppia, che ho condiviso con una ragazza brasiliana molto simpatica.

Lei tra l’altro lavorava lì in ostello e mi ha fatto il check-in. Mi raccontato che per un mese è a Gand e vive proprio in ostello, ma le cambiano camera in continuazione. Spesso la mettono in quelle con “tanti ragazzi” (forse per controllarli) e che gli olandesi sono i peggiori: maleducati, casinisti e arroganti. Infatti l’ostello ha una policy per cui ai grandi gruppi chiede un deposito. Nel frattempo lei gira l’Europa, perché ha una specie di turistic working-visa, che consente di lavorare per mantenersi.

Le piace molto il Belgio e anche il clima. Secondo lei in Brasile il caldo è troppo opprimente, soprattutto d’estate. Questo mi è stato confermato anche da altre persone latinoamericane.
È molto bello chiaccherare con persone e condividere un pezzettino della tua vita, anche se probabilmente non le vedrai più (infatti purtroppo non mi ricordo il suo nome). 

Il secondo ostello, a Bruges, era più alla buona, ma aveva un bar molto carino dove fare colazione e poi bere una birra la sera. Meno attenzione alla pulizia e più “alla buona” ma comunque accettabile.

Viaggiare da sole è pericoloso, noioso o da sfigati?

Queste riflessioni nascono soprattutto dalle telefonate con mia madre, con un continuo di “Ma sei da sola? Proprio sola sola?” e “Ma sei sicura?No perché mi sembra una cosa strana”.  Ci sono anche lunghe pause di silenzio, della serie perché mi è toccata una figlia così.

Come ho detto questa è stata la prima volta per me da sola in ostello e devo dire che in realtà non è così male. Mi aveva spinta a provare questa esperienza il racconto di una mia collega, che ha fatto un giro pazzesco in Vietnam e Nuova Zelanda, da sola. Lei mi diceva di non preoccuparmi che in ostello si conosce gente, che sei quasi “costretta” a fare amicizia e che anche le altre persone sono nella tua stessa situazione. Effettivamente, la mia chiaccherata con la ragazza brasiliana le ha dato ragione. Se l’ho fatto io, lo possono fare davvero tutte/i.

Sono arrivata alla conclusione che se si ha voglia di visitare una città e di staccare da tutti, perché no? L’ostello poi costa poco e ti permette di conoscere altre persone. Secondo me è anche terapeutico, se effettivamente non hai voglia di organizzare con altre persone, perché aiuta a ritrovare autostima e fiducia nelle proprie capacità di cavarsela da soli. Il Belgio, poi, è un paese molto ma molto sicuro.

Quali sono secondo me i criteri per prenotare un ostello?

Sicuramente il primo fattore da considerare è il prezzo, ma dato che mi sono mossa pochi giorni prima non ho risparmiato molto.
Anche la vicinanza al centro e la pulizia sono ovviamente molto importanti. Meglio spendere qualche euro in più, ma essere in una zona comoda.
Ci sono anche moltissime opzioni: è possibile avere una camera doppia privata, una camerata piccola da 4 o 6 o una più grande da 12. A volte il bagno è privato e altre volte da condividere.
In Spagna prendevamo sempre la camera doppia con bagno privato perché non costava tanto e mi sono sempre trovata benissimo. )Uno dei vantaggi di avere un fidanzato era poter dividere a metà.
Come mezzo di trasporto ho scelto Flixbus, magari non la scelta più rapida, ma sicuramente quella più economica. Qualche consiglio su che cosa vedere e dove mangiare nei prossimi post.

Belgio
Gent vista dall’alto

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

A WordPress.com Website.

Up ↑

%d bloggers like this: